SCADENZA: 02/02/2021
Non sono registrato ad ADV Training
Quiz veloce

Il nuovo percorso di formazione a Quiz ideato dall'Ente Nazionale per il Turismo Polacco

01
Quiz veloce: 1° modulo
     
Scopri la Polonia!
 
La Polonia è un Paese con un’offerta turistica molto variegata. È famosa per le città di grande interesse storico-culturale ma soddisferà anche le aspettative di chi preferisce passare le vacanze in mezzo alla natura e/o assaporare il folklore regionale. Il Paese si contraddistingue per una natura straordinaria, è ricco di parchi nazionali, riserve e paesaggi variegati, specie di piante a animali uniche in tutto il mondo. Da nord a sud, il paesaggio della Polonia è incredibilmente variegato e sorprendente per un turista italiano, offrendo biodiversità e ricchezza di stimoli, tra pianure boschive, montagne, laghi e sabbie bianche del Baltico. 
 
Complice la varietà del terreno, e le molte piste e percorsi ciclabili, la Polonia offre numerose possibilità per praticare il turismo attivo, ma è anche un’ottima destinazione per il turismo di famiglia e del turismo religioso, essendo soprattutto patria di Giovanni Paolo II, del quale si festeggiava il centenario della nascita nel 2020.
 
     

Quadro geografico

La Polonia è situata nell’Europa centrale. Viene bagnata dalle acque del Mar Baltico a Nord, mentre a Sud è attraversata dai Monti Carpazi e Sudeti.
Il Paese confina con la Germania, la Repubblica Ceca, la Slovacchia, l’Ucraina, la Bielorussia, la Lituania e la Russia (l’exclave l’Oblast' di Kaliningrad).
 
La sua capitale è Varsavia.
 
La superficie della Polonia ammonta a 312 696 km²  (69. posto al mondo) e il numero dei suoi abitanti a 38.413 mln (38° posto al mondo, 5° in Unione Europea). Il territorio è suddiviso in 16 regioni. Il Paese fa parte dell’Unione Europea dal 2004.
 
Il fiume più lungo della Polonia è la Vistola che attraversa tutto il Paese, da Nord a Sud, trovando sbocco nel Mar Baltico. Sul territorio polacco si trovano anche numerosi laghi, soprattutto nella regione nord-orientale chiamata Masuria senza esagerazioni soprannominata La terra dei Mille Laghi.
 
 
Le principali città
 
Oltre a Varsavia, le principali città polacche sono: Cracovia (ex capitale polacca, città d’arte, un grande classico del turismo in Polonia), Danzica (città portuale famosa per la sua storia legata alla Seconda Guerra Mondiale e alla costituzione del sindacato Solidarność), Poznań (capoluogo della regione Wielkopolska, culla dello stato polacco, anche un internazionale centro fieristico), Breslavia (La Capitale Europea della Cultura 2016, con 12 isole e oltre 100 ponti), Łódź (una meta moderna famosa per le sue atmosfere alternative e gli oltre 50 murales).
 
     
 
I parchi nazionali
 
In Polonia esistono ben 23 parchi nazionali. Sono sparsi su tutto il territorio ma molti si trovano al Sud, in zona di montagna. Tra i più famosi c’è Tatrzański Park Narodowy (il Parco nazionale dei Monti Tatra) con le sue vette imponenti. Ai piedi dei Monti Tatra si trova la famosa, pittoresca cittadina di Zakopane.
Un altro famoso parco nazionale polacco è il Białowieski Park Narodowy (il Parco nazionale di Bialowieza). È il più antico e noto come habitat del bisonte europeo. Si trova nella parte orientale della Polonia. La foresta primordiale di Bialowieza è uno dei 16 siti UNESCO in Polonia.

 
                                                            
   

In Polonia attualmente esistono 16 siti riconosciuti come patrimonio dell’umanità UNESCO.

           
    Il centro storico di Cracovia     Il parco religioso e paesaggistico di Kalwaria Zebrzydowska
           
    Le miniere di sale di Wieliczka e Bochnia     Chiesa della Pace a Jawór e Świdnica
           
    Il campo di concentramento Auschwitz     Chiese in legno in Malopolska
           
   
La foresta di Bialowieza 
    Il Parco di Muskau (Park Mużakowski)
           
    Il centro storico di Varsavia     La Sala del Centenario a Breslavia
           
    Il centro storico di Zamość     Le chiese ortodosse in legno nei Carpazi
           
    Il sistema urbanistico medioevale di Torun     Miniere di piombo, argento e zinco di Tarnowskie Góry
           
    Il castello dell’Ordine teutonico di Malbork     Regione mineraria preistorica della selce rigata di Krzemionki
     
 

Marchi turistici

Nel 2019 per l’iniziativa del Ministero dello Sport e del Turismo in collaborazione con l’Ente Nazionale Polacco per il Turismo è nato il progetto dei Marchi Turistici Polacchi. Il suo obiettivo è quello di creare una rassegna dei più attraenti itinerari turistici in Polonia.
Per ora come Marchio turistico sono stati riconosciuti cinque siti:

     
I Beschidi
E' una delle più caratteristiche catene montuose in Polonia, dove d’inverno possiamo sciare o fare snowboard e d’estate goderci le escursioni in mezzo alla natura. I Beschidi abbracciano territori di ricco patrimonio folcloristico.
A rendere attraente questa zona è anche il variegato paesaggio culturale, conseguenza dell’economia pastorale. Vi si sono conservati diversi esempi dell’architettura di legno, sia quella sacra che profana.
L’arte popolare si riscontra nell’edilizia, negli arredamenti, oggetti di uso quotidiano e utensili.
 
     
La Terra dei Burroni del Loess
E' situata all’estremità nord-ovest dell’Altopiano di Lublino. Il suo nome fa riferimento alla concentrazione dei burroni del loess più grande in Europa. Le qualità, le attrazioni e l’infrastruttura di quest’area favoriscono l’agriturismo e il turismo termale. Un elemento importante della zona è la cucina basata sui prodotti locali.
 
     
Lublino
E' situata al confine tra l’Unione Europea e l’Europa Orientale, da anni è nota per i suoi festival internazionali e progetti artistici. Essendo una città dell’ispirazione e il più importante centro della vita culturale dell’Est della Polonia, attira famosi artisti da tutto il mondo trasformando le proprie strade in un colorato flusso di persone che rappresentano diverse culture e parlano diverse lingue. Lublino stupisce con la sua storia di ben 700 anni raccontata dai musei, monumenti, sapori tradizionali e leggende.
 
     
Toruń
Con il suo centro medievale patrimonio UNESCO è l’icona della Regione della Cuiavia-Pomerania. La città possiede due importanti simboli: Niccolò Copernico, il suo cittadino più famoso grazie al quale Torun viene fortemente associata all’astronomia e i pierniki, caratteristici biscotti di pan di zenzero la cui tradizione e tuttora viva e vegeta. Viaggiando in nave o barca sulla Vistola, attraversando il ponte oppure passeggiando lungo la sponda sinistra del fiume si può ammirare il panorama di Torun, una delle Meraviglie della Polonia.
 
     
La Slesia di Cieszyn
E' la storica regione che si estende nella parte sud-orientale della Slesia intorno alla città di Cieszyn e il fiume Olza. È un’ottima destinazione per praticare il turismo invernale (sci e trekking), le escursioni in montagna e il ciclismo. L’area è famosa per “heklowanie”, una particolare tecnica di ricamo praticata esclusivamente dalle abitanti di Koniakowo entrata a far parte del patrimonio immateriale UNESCO.
 
Informazioni Utili    
     
Clima  
 
La Polonia ha un clima continentale, con estati moderatamente calde e piacevoli e inverni freddi, con temperature spesso sotto zero. La primavera è inizialmente un po’ fredda, poi mite e soleggiata. L’autunno è inizialmente caldo (con notti fredde) e soleggiato, per diventare a novembre più piovoso e freddo. In ogni stagione è consigliabile vestirsi “a cipolla” e portare una giacca/maglione anche in estate.
 
     
Quando andare  
 
Il periodo migliore per visitare la Polonia è da maggio a metà ottobre, se si vogliono visitare le città e la natura, mentre il periodo a partire da fine novembre fino a metà gennaio sarà ottimo per visitare i mercatini di Natale o per passare la settimana bianca in montagna.
 
     
Raggiungere la Polonia

 

 

 
Ci sono vari collegamenti aerei diretti tra le principali città polacche e italiane gestiti da compagnie low cost Ryanair, Wizzair, EasyJet e dalle linee nazionali polacche LOT. Ma è possibile raggiungere la Polonia anche via terra, in macchina o pullman. In linea d’aria Varsavia, la capitale polacca, dista da Roma circa 1.300 km. 
 
Inoltre, è possibile raggiungere la Polonia in treno, cambiando in Austria.
 
     
Documenti per l'accesso  
 
Dato che la Polonia fa parte dell’Unione Europea e dello spazio Schengen agli italiani per entrare nel territorio polacco basta la carta d’identità valida per l’espatrio. Consigliamo di non portare quella con la proroga con timbro. Per essere sicuri sui documenti di viaggio è meglio sempre accertarsi con il Consolato Polacco in Italia (a Roma o a Milano) e/o con il Ministero degli Affari Esteri italiano.
 
     
Spostarsi in Polonia  
 
Per gli spostamenti tra le città è possibile utilizzare il servizio ferroviario. La principale compagnia di trasporto ferroviario polacco si chiama PKP Intercity. È possibile acquistare il biglietto (con non più di 30 giorni di anticipo) online o in cassa alla stazione. Acquistando il biglietto in anticipo è possibile approfittare di uno sconto. 
Se il biglietto è stato acquistato tramite Internet è necessario portare con sé il documento d’identità della persona di cui nome è riportato sul biglietto. In quanto i biglietti vengono venduti per il collegamento concreto non c’è bisogno di convalidarli. 
 
Oltre ai collegamenti ferroviari, ci sono anche numerose tratte gestite da Flixbus.
 
Per spostarsi all’interno delle città si può ricorrere al trasporto pubblico, il quale in Polonia è molto efficiente. Ogni città possiede un proprio sistema di autobus, in più in alcune esiste anche la tramvia o filovia. La metropolitana sotterranea si trova solo a Varsavia. 
 
Il trasporto pubblico è attivo solitamente dalle 5 di mattina alle 11 di sera, di notte c’è il servizio notturno. 
 
Gli orari sono esposti nelle fermate ma si possono controllare anche online, sul sito www.jakdojade.pl, dove è possibile anche calcolare il percorso da fare e i mezzi da prendere, inserendo il punto di partenza e di arrivo. Tramite l’applicazione jakdojade.pl si possono acquistare anche i biglietti.
 
Oltre all’app, i biglietti si possono comprare in edicola, in macchina alla fermata o spesso dal conducente (pagamento in contanti con importo preciso). I biglietti cartacei vanno convalidati alla macchinetta a bordo dell’autobus/tram.
 
I prezzi dei biglietti variano da città a città e dipendono anche dalla durata del viaggio. Solitamente il viaggio di 60 minuti costa circa un euro.
 
I controllori sono in borghese ma esiste il diritto di chiedere la tessera identificativa.
 
Un altro modo di spostarsi nelle città sono i taxi. In media il costo di una corsa lunga 8km ammonta a 30 złoty (circa 6,50 euro).
 
     
La lingua  

 

La lingua ufficiale della Polonia è il polacco. Tuttavia, tra le generazioni giovani e nelle grandi città è diffusa la conoscenza dell’inglese. Anche la lingua italiana è molto amata e studiata dai polacchi quindi la possibilità di comunicare in italiano non è da escludere.

 

     
La moneta  
 
La moneta polacca è lo zloty (PLN), suddiviso in 100 centesimi (grosz). Raramente è possibile pagare in euro e comunque il resto viene dato in valuta locale.
 
È possibile cambiare la moneta negli uffici di cambio chiamati kantor. Il tasso di cambio oscilla tra 4,20-4,50 PLN per un euro. È sempre più conveniente cambiare i soldi fuori dai posti tipicamente turistici come centri storici, aeroporti, stazioni ecc. La maggior parte degli uffici di cambio in Polonia non applica commissioni ma bisogna verificare la dicitura “no commission” all’entrata.
 
In Polonia sono diffusi i pagamenti con la carta, anche contactless. Di solito è possibile pagare con la carta anche piccoli importi.
 
Ecco alcuni prezzi medi per i prodotti alimentari di base: un litro di latte – 2,40 PLN, un chilo di riso – 7,50 PLN, una bottiglia d’acqua minerale (1,5 l) – 1,70 PLN, un chilo di petto di pollo – 15 PLN, un uovo – 0,5 PLN.
 
     
Souvenir da portare  
 
I souvenir più noti della Polonia sono i vari oggetti realizzati in ambra, da gioielli a decorazioni. Inoltre, abbiamo delle famose ceramiche, soprattutto all’estero vengono apprezzate quelle dipinte a mano di Boleslawiec. In Polonia viene prodotto anche dell’ottimo miele e...la vodka! Unica nel suo genere è la Zubrowka, aromatizzata alle erbe che mangiano i bisonti europei che abitano soprattutto la Foresta di Bialowieza all’est del paese.
 
01 - Qual è la capitale della Polonia?
02 - Quanti siti UNESCO si trovano in Polonia?
03 - Quanti parchi nazionali si trovano in Polonia?
04 - Qual è la valuta usata principalmente in Polonia?
05 - Qual ѐ il fiume più lungo della Polonia?
06 - A quale mare ha accesso la Polonia?
07 - Se in Italia sono le 12:00 in Polonia sono le…?
08 - Quali città entrambe possiedono siti UNESCO?
09 - Con quanti Paesi confina la Polonia?
10 - Da quale città proviene Niccolò Copernico?
01
1° modulo
Scopri la Polonia!
02
2° modulo
Il grande classico rivisitato. Cracovia e dintorni
03
3° modulo
Varsavia. Futuro e rinascita
04
4° modulo
La Polonia del Nord. Il Mar Baltico e la Pomerania
05
5° modulo
Trionfo della natura. Varmia-Masuria e la regione Podlaskie
06
6° modulo
Polonia occidentale. Tra città, castelli e centri fieristici
07
7° modulo
Alla scoperta delle piccole città d'arte
08
8° modulo
Atmosfere urbane e mete insolite. Łódź e la Slesia
09
9° modulo
Turismo attivo e del Benessere
10
10° modulo
La gastronomia polacca tra tradizione e innovazione
01
1° modulo
Scopri la Polonia!
02
2° modulo
Il grande classico rivisitato. Cracovia e dintorni
03
3° modulo
Varsavia. Futuro e rinascita
04
4° modulo
La Polonia del Nord. Il Mar Baltico e la Pomerania
05
5° modulo
Trionfo della natura. Varmia-Masuria e la regione Podlaskie