SCADENZA: 02/02/2021
Non sono registrato ad ADV Training
Quiz veloce

Il nuovo percorso di formazione a Quiz ideato dall'Ente Nazionale per il Turismo Polacco

05
Quiz veloce: 5° modulo
 
Trionfo della natura. Varmia-Masuria e la Regione Podlaskie
 
La Polonia ha 23 parchi nazionali e diverse riserve della biosfera UNESCO, ma di particolare interesse naturalistico è la zona nord-orientale della Polonia con la regione di Varmia e Masuria e l’adiacente regione Podlaskie.
 
 
Varmia e Masuria: Terra dei Mille Laghi e delle innumerevoli possibilità

La regione di Varmia e Masuria si estende nella parte nord-orientale della Polonia, a sole 2 ore di viaggio dalla Tripla Città (Danzica-Sopot-Gdynia). Con il suo paesaggio costellato da numerosissimi laghi, spesso viene chiamata la Terra dei Mille Laghi (anche se sono più di 3000!). La natura regna sovrana, quindi c’è anche una grande scelta di attività da svolgere all’aperto: golf, escursioni in canoa, in barca a vela, a bordo di una nave passeggeri o in bicicletta.
 
     
 Olsztyn, il capoluogo
 
Olsztyn è situata proprio nel cuore di una natura forte e selvaggia. Come se fosse il biglietto da visita delle zone naturalistiche limitrofe della Varmia e della Masuria, la città vanta più di dieci laghi e un’enorme area forestale. Il verde onnipresente abbraccia gli edifici in stile gotico e del periodo della secessione, creando un interessante contrasto con i colori caldi degli edifici. Fra questi in primo piano c’è la basilica di San Jacopo: un’imponente chiesa in mattoni, degna sede vescovile di circa 600 anni. La basilica si distingue per un’acustica fantastica che si rivela preziosa in occasione dei concerti per organo di Olsztyn. Questa città fu fondata intorno allo stanziamento dei cavalieri teutonici del XIV  secolo e la sua storia è legata alla presenza di Niccolò Copernico, che essendo uomo di chiesa di enorme importanza vi passò molti anni. Nel castello sono conservati gli strumenti di prova del grande astronomo, oltre ad un Planetario e a un Osservatorio Astronomico.
 
     
 
 In canoa sul fiume Krutynia

 
La Varmia-Masuria è un paradiso per gli entusiasti delle escursioni in canoa. Uno dei percorsi più interessanti, il percorso del fiume Krutynia, è lungo oltre 100 km e attraversa il territorio più prezioso della regione dal punta di vista naturalistico. Oltre la metà dell'itinerario passa in mezzo al Parco Paesaggistico della Masuria, ricco di interessanti esempi di flora e fauna, come per esempio l’airone cenerino. Oltre che per l'affascinante natura, il percorso di Krutynia si distingue per la sua rete di rifugi nautici noti con la sigla PTTK. Ce ne sono 10, e sono posizionati in modo da permettere, anche ai canoisti meno esperti, di percorrere la distanza tra uno e l'altro senza particolari affanni. In tutti i rifugi ci sono posti per dormire e piccoli ristoranti che servono la cucina locale. Facendo uso di questi rifugi è possibile percorrere l'itinerario anche a piedi o in bicicletta. Il punto migliore per iniziare l'escursione è il rifugio PTTK di Sorkwity dove è presente un punto noleggio di canoa e bici molto ben fornito.
     
 In barca a vela

In nessun altro paese in Europa esiste una rete di laghi così estesa e così variegata che permette di navigare con la barca a vela come in Varmia e Masuria. Inoltre, negli ultimi anni sul territorio della Masuria è stata sviluppata una moderna infrastruttura nautica che permette di praticare turismo ecologico. La lunghezza del percorso navigabile in linea retta conta 111 km. L'avventura a bordo della barca a vela potrebbe cominciare da Giżycko, Mikołajki, Pisz, Węgorzewo o Ruciane Nida.
 
     
 
 Percorsi in bicicletta

Un’ottima modalità per visitare la Varmia-Masuria, oltre le vie acquatiche in canoa, nave o barca a vela, è la bicicletta. Nella regione sono presenti molte piste ciclabili, e nella zona dei Grandi Laghi della Masuria un ottimo punto di partenza per numerosi percorsi pittoreschi sarà l’Hotel Mikołajki *****, situato su un'isola. Il più famoso e interessante è il percorso Green Velo, un itinerario per bici che attraversa 5 regioni della Polonia nord-orientale per un totale di circa 2000 km, di cui ben 397 km in Varmia e Masuria. Lungo questo percorso, nei pressi di Bartoszyce, si trova il Palazzo e la Fattoria Galiny che serve un'ottima cucina regionale; può essere una bella sosta durante il viaggio in bici. L'itinerario ha una buona segnaletica con informazioni sulle distanze tra le località e sulle attrazioni della zona.
     
Paesaggio ideale per i golfisti
 
Nei pressi di Olsztyn opera uno dei primi campi da golf in Polonia, il “Mazury Golf & Country Club” a Naterki. La diversità del terreno e la posizione insolita rendono questa zona molto interessante sia per i giocatori esperti che per quelli principianti. A Pasłęk, invece, si trova la “Sand Valley Golf & Country Club”, da cui, a sua volta, siamo molto vicini alle storiche rampe del Canale di Elbląg.
 
     
 
 Lungo il Canale di Elbląg
 
La particolare struttura idrotecnica e la localizzazione pittoresca del Canale di Elbląg attirano numerosi turisti che arrivano anche dalle più lontane parti del mondo da ormai 150 anni. Insieme al territorio che percorre, la struttura costituisce una proposta turistica affascinante, dove è possibile fare un giro a bordo di una nave passeggeri, su una barca a vela, in canoa o addirittura in pedalò. Gli appassionati delle due ruote troveranno a loro disposizione oltre 600 km di piste ciclabili.
 
Una grande particolarità su scala mondiale di questo canale è il complesso di cinque rampe sulle quali si fanno scorrere le navi sopra apposite piattaforme fornite di rotaie: per questo si dice che le navi “navigano sull'erba”. Il meccanismo ingegneristico che permette tale operazione viene azionato dalla forza dell'acqua. Vicino a una delle rampe, a Buczyniec, opera il museo dedicato al canale, che presenta una sala multimediale e una mostra in cui vengono esposti, per esempio, antichi stampi dei meccanismi delle rampe e i documenti che hanno stabilito la costruzione del Canale, tra cui quelli con la firma originale del suo costruttore, George Jacob Steenke.
 
Come buon punto di partenza per esplorare il Canale di Elbląg e le sue attrazioni si può scegliere l’Hotel Anders **** situato su una diramazione del canale, a Stare Jabłonki sul lago Szeląg Mały.
     
 Strutture ricettive e centri benessere

La regione possiede anche una sviluppata rete di oltre 40 strutture ricettive di standard e stili diversi (tra castelli gotici, casali nobiliari, edifici tradizionali ispirati all'architettura della Varmia o della Masuria, fino ai resort ultramoderni) e di impianti Spa. Ogni centro benessere cerca di distinguersi per lo stile e la filosofia particolari, come per esempio i castelli gotici Hotel Zamek Ryn**** e Hotel Krasicki****. Alla Spa della Principessa Anna (Hotel Zamek Ryn) la cosmetologia moderna viene unita alla tradizione millenaria: la sua offerta si basa su rituali legati ai quattro elementi: acqua, fuoco, terra, aria. La Spa di “Santa caterina” (presso l’Hotel Krasicki) con una ricca scelta di trattamenti per tutte le parti del corpo, impiega un 'approccio olistico. Viene data molta importanza anche alla condizione spirituale degli ospiti.

 

In questa moltitudine e varietà di centri benessere non rimarranno delusi neanche gli amanti dei massaggi thailandesi, balinesi o ayurvedici o chi è alla ricerca di professionali trattamenti estetici o addirittura interventi di medicina estetica.

 
     
 
 Cucina regionale
 

Nella regione di Varmia-Masuria ci sono diversi ristoranti e trattorie specializzate nella cucina regionale che sono contrassegnate con il marchio di Patrimonio Culinario di Varmia, Masuria e Powiśle. La cucina di questa zona si basa sul pesce (per ovvie ragioni facilmente reperibile), sulle materie prime provenienti dai boschi e anche quelle agricole. In questa cucina si percepiscono influenze tedesche, russe e della cucina della Masovia (uso dei frutti di bosco). Molto popolare in Masuria è la zuppa di pesce e di gambero di fiume. Si possono anche assaggiare, certamente, i tipici piatti polacchi, come le zuppe, il brodo o il famoso żurek (zuppa di farina di segale).

 

Un prodotto tradizionale della zona sono i formaggi dal sapore unico che spesso, ancora oggi, vengono preparati in gran parte a mano.

     

Regione Podlaskie, trionfo della natura e ricchezza culturale

La Podlaskie è una regione situata nella parte nord-orientale della Polonia. È una regione molto particolare che si distingue notevolmente dalle altre 15 regioni polacche. I fattori geografici e quelli storici l’hanno resa un territorio multietnico e multiculturale, ricco di tradizioni e riti di diverso tipo. Per centinaia di anni ci hanno convissuto polacchi, bielorussi, ucraini, russi, lituani, tartari ed ebrei. Questo mosaico nazionale fu il motivo per cui venne creata la lingua esperanto che dobbiamo a Ludwik Zamenhof (1859-1917) proveniente proprio da questa regione.
 
     
Białystok, il capoluogo
 
La città è da secoli un ricco mosaico religioso e linguistico. Come in nessun altro luogo vi si trovano cupole di chiese ortodosse affiancate a torri di edifici cattolici. In effetti, è proprio qui che la mistione di polacchi, ebrei, russi e tartari ha ispirato Ludovico Zamenhof nella creazione dell’esperanto.
Białystok sorge proprio come Roma su sette colli ed ha una posizione davvero pittoresca. La sua vera e propria perla è il Palazzo Branicki, una delle più belle residenze nobiliari in stile barocco dell’Europa centrorientale; gli splendidi giardini che la circondano sono fra quelli meglio conservati in Polonia.
 
     
Vicino alla natura

Podlaskie è una regione assolutamente unica sia in Polonia sia in Europa dal punto di vista naturale. Si trovano qui ben quattro Parchi Nazionali e tre Parchi Paesaggistici che proteggono foreste primarie, paesaggi naturali, valli dei fiumi, laghi e numerose rare specie di piante e di animali. Sono luoghi perfetti per riprendere le forze e risposarsi dalla quotidianità.
     
  Quattro parchi nazionali

La foresta e il Parco Nazionale di Białowieża (sito UNESCO) costituiscono il regno indiscusso del bisonte europeo. Nella parte integrale della riserva potrete ammirare i frammenti della foresta primaria ma anche i segni del passato reale e zarista.

Il secondo Parco Nazionale più importante della regione e quello del fiume Biebrza. Lo abitano diverse specie di animali, per esempio alci, castori e oltre 200 specie di uccelli. Il Parco è da esplorare a piedi, in bicicletta, in canoa o sulla zattera. Agli appassionati di oggetti militari consigliamo di visitare la fortezza di Osowiec: una roccaforte ottocentesca che non venne mai conquistata.

Spostandosi alcuni chilometri a ovest da Białystok ci si ritroverà nell’Amazzonia polacca: il Parco Nazionale del fiume Narew. Una delle maggiori attrazioni del Parco è la discesa del fiume a bordo di una barchetta tradizionale. Durante l’ultimo weekend d’agosto qui viene organizzato il festival del miele (Podlaska Biesiada Miodowa) durante il quale è possibile assaggiare e acquistare i migliori mieli genuini di queste terre.

Il quarto Parco Nazionale della regione è il Parco Nazionale del lago Wigry, il più grande lago della zona. Oltre allo stesso lago Wigry sul territorio del Parco troviamo altri 40 laghi più piccoli. Sulle sponde del Wigry sorgono dei piccoli ristorantini dove è d’obbligo assaggiare l’ottimo pesce locale.

 
Vento e Acqua
Una delle principali attrazioni della regione Podlaskie è il canale di Augustów, costruito nel XIX secolo all’odierno confine tra la Polonia e la Bielorussia per necessità di scambio commerciale, o più precisamente, per evitare il tributo doganale imposto dalla Prussia. Unisce i fiumi Vistola e Nemunas ed è un capolavoro dell’ingegneria militare polacca. Alla sua costruzione parteciparono oltre 5mila persone. Il canale, lungo 102 km, è navigabile e lo si può percorrere per esempio in canoa o a bordo di un catamarano.
Anche la stessa città di Augustów merita una visita. Situata in mezzo ai boschi e fiumi viene considerata la capitale regionale degli sport acquatici e un importante centro termale.
 
 

Pilastro della tradizione
 

La regione Podlaskie è famosa per il suo inestimabile valore naturalistico ma anche per l’aspetto multiculturale e plurireligioso. Nello sperduto villaggio Kruszyniany, al confine con la Bielorussia, vive una piccola comunità tartara che mantiene vive le proprie tradizioni, religione, cucina. Vi troviamo anche una moschea in legno risalente al XVIII secolo. Per conoscere meglio le tradizioni di questo popolo è possibile partecipare al Festival della Cultura Tartara oppure visitare il ristorante tipico Tatarska Jurta a Kruszyniany.
Il mosaico culturale della regione traspare anche dal Percorso Culturale “Legno e Sacrum” che comprende vari esempi della particolare architettura lignea della zona: case, cappelle e chiese di diverse confessioni, soprattutto di quella ortodossa. Alcune di queste perle architettoniche risalgono sino al XVI secolo. Ma il percorso non è costituito soltanto dagli edifici: seguendo le orme delle diverse culture che hanno lasciato il proprio segno su questo territorio incontreremo anche artigiani, artisti, musicisti e scultori che animano e arricchiscono culturalmente la zona.
 
 
 
Siti Utili
 
 

 

01 - In quale parte della Polonia si trova la regione di Varmia e Masuria?
02 - Quanti laghi si trovano nella regione di Varmia e Masuria?
03 - Qual è il capoluogo della Varmia e Masuria?
04 - Quanti chilometri del percorso ciclistico Green Velo si trovano sul territorio della Varmia e Masuria?
05 - Quanti parchi nazionali si trovano sul territorio della regione Podlaskie?
06 - Quale di questi siti fa parte del Patrimonio UNESCO?
07 - In quale di queste località vive una piccola comunità tartara?
08 - Qual è il capoluogo della regione Podlaskie?
09 - Quale di questi siti non si trova sul territorio della regione Podlaskie?
10 - Quale di questi siti non si trova sul territorio della Varmia e Masuria?
01
1° modulo
Scopri la Polonia!
02
2° modulo
Il grande classico rivisitato. Cracovia e dintorni
03
3° modulo
Varsavia. Futuro e rinascita
04
4° modulo
La Polonia del Nord. Il Mar Baltico e la Pomerania
05
5° modulo
Trionfo della natura. Varmia-Masuria e la regione Podlaskie
06
6° modulo
Polonia occidentale. Tra città, castelli e centri fieristici
07
7° modulo
Alla scoperta delle piccole città d'arte
08
8° modulo
Atmosfere urbane e mete insolite. Łódź e la Slesia
09
9° modulo
Turismo attivo e del Benessere
10
10° modulo
La gastronomia polacca tra tradizione e innovazione
01
1° modulo
Scopri la Polonia!
02
2° modulo
Il grande classico rivisitato. Cracovia e dintorni
03
3° modulo
Varsavia. Futuro e rinascita
04
4° modulo
La Polonia del Nord. Il Mar Baltico e la Pomerania
05
5° modulo
Trionfo della natura. Varmia-Masuria e la regione Podlaskie