SCADENZA: 02/02/2021
Non sono registrato ad ADV Training
Quiz veloce

Il nuovo percorso di formazione a Quiz ideato dall'Ente Nazionale per il Turismo Polacco

10
Quiz veloce: 10° modulo
La gastronomia polacca tra tradizione e innovazione
 
La Polonia presenta una tradizione culinaria decisamente interessante, che racchiude in sé tutta la storia del territorio, ma che si sta man mano aprendo a nuove contaminazioni, un paese in crescita, aperto a sperimentazioni anche in ambito culinario e gastronomico, che nulla hanno da invidiare alla haute cuisine. I promotori sono giovanissimi chef, innovativi che vogliono valorizzare i sapori classici, principalmente della tradizione contadina, con un “pizzico d’arte”. Numerosi sono i ristoranti inseriti  nelle guide Michelin e Gaullt et Millau, come numerosi sono i ristoranti rustici tipici, per un’esperienza culinaria a 360°.
 
La cucina polacca è particolarmente ricca. Nelle sedici regioni i piatti riflettono la varietà del territorio, le contaminazioni avvenute dal contatto con diversi popoli e la storia, creando una diversità che rende la cucina polacca in un certo senso simile a quella italiana: le regioni, pur avendo dei punti di riferimento in comune, riescono a essere così gastronomicamente distanti tra loro da sembrare addirittura paesi diversi. La complessità della storia polacca ha contribuito a renderla così particolare e variegata, con l’influsso di diverse etnie che nel corso dei secoli hanno convissuto per ragioni storiche sul territorio dell’attuale Polonia: ebrei, ucraini, bielorussi, lituani, russi, tedeschi, cechi, austriaci, italiani. Questa ricchezza ha reso popolari i piatti tipici anche oltre confine. 
 
All’estero la gastronomia polacca è conosciuta soprattutto per le diverse varietà di affettati e per l’ottima vodka. Con la cucina tedesca condivide l’uso dei crauti, della birra e della carne di maiale, con quella russa per l’uso delle barbabietole nel barszcz (zuppa di barbabietole), della vodka e dei pierogi (ravioli salati o dolci, possono essere ripieni di carne, formaggio, frutta, funghi). Oltre a questi la Polonia presenta anche una rinomata tradizione pasticcera.
 
Andiamo a scoprire alcune delle pietanze più famose.
 
Pierogi
 
Molto probabilmente il piatto polacco più famoso. Si tratta di ravioli ripieni che possono essere dolci o salati. Per quelli salati, i ripieni più conosciuti sono fatti da formaggio (generalmente lo twaróg, simile alla ricotta ma più compatto e umido) e patate (vengono definiti pierogi ruskie), carne, crauti e funghi (tipici della vigilia natalizia). Possono essere serviti cotti, senza aggiunte, ma la loro preparazione più famosa consiste nel saltarli in padella con pancetta o cipolla. 
Per quanto riguarda quelli dolci invece, il ripieno consiste principalmente in frutta tagliata e confetture.
È possibile trovarli in tutte le zone della Polonia, ovviamente con varianti tipiche dei vari luoghi.
 
 
Żurek
 
Si tratta di una delle più famose zuppe polacche. Gli ingredienti del żurek prevedono generalmente un composto di farina di segale fermentato, funghi, cipolle, pancetta e salsicce, patate e uova sode. La farina di segale, con la quale si fa il zakwas, è quella che conferisce il classico sapore acidulo della zuppa.
Uno dei modi tipici per servire il żurek consiste nel versarlo direttamente all’interno di una pagnotta scavata.
È un piatto tipico del periodo di Pasqua e anche in questo caso, come accade per ogni piatto della tradizione, in ogni regione del paese esistono varianti della ricetta che si tramandano da generazioni.
 
 
Barszcz czerwony
 
Altra famosissima zuppa polacca. L’ingrediente principale è la barbabietola, ma oltre a questa possiamo trovare altri ingredienti come: fagioli, cavolo, carote, cetrioli, patate, cipolle o pomodori, funghi. Piatto tipico del periodo natalizio dove viene generalmente servito con tortellini ripieni.
 
 
Pietanze a base di carne e formaggi
 
Sono veramente tante e si distinguono per l’ottima qualità della carne utilizzata. Tra tutte possiamo scegliere, ad esempio, il kotlet schabowy. Si tratta di una cotoletta di maiale impanata con il pangrattato. Se ci si vuole sentire come una vera famiglia polacca allora il kotlet va mangiato durante il pranzo domenicale.
 
La Małopolska, come ne abbiamo già parlato nel capitolo riguardante Cracovia, è la regione con più prodotti tipici e protetti con marchi DOP e IGP in Polonia. Sono addirittura 152 secondo il Ministero dell’Agricoltura. Fra questi possiamo trovare: insaccati e salumi, formaggi e altri latticini, diversi tipi di pane. 
Tra i più famosi troviamo sicuramente l’oscypek, il re dei formaggi polacchi. Viene preparato tra le montagne della regione usando il latte di pecora e viene lavorato rigorosamente in maniera artigianale. Oltre all’oscypek troviamo anche il redykołka, fratello minore del primo che viene preparato con i residui della lavorazione del fratello maggiore.
Per gli insaccati è presente, ad esempio, la salsiccia lisiecka. Si tratta di una salsiccia di maiale famosa per l’alta qualità della carne utilizzata.
Un altro prodotto tipico, in particolar modo di Cracovia, è l’obwarzanek, un tipo di pane a forma anulare ricoperto di sesamo, semi di papavero o sale.
Non dimentichiamoci poi che Cracovia, capoluogo della Małopolska, è stata eletta nel 2019 Capitale Europea della Cultura Gastronomica.
 
 

La vodka e la birra

La Polonia ha sempre conteso con la Russia il proprio primato sulla vodka; il primo documento in cui questa bevanda viene menzionata risale al 1405. Tra le vodke più celebri troviamo: la Belvedere, la Chopin, la Luksusowa e la Biała Dama.
Particolare e molto famosa è anche la vodka Żubrówka. Si tratta di una vodka prodotta nell’est della Polonia che viene infusa con l’erba del bisonte, il mangime preferito dei bisonti europei che si trovano nella foresta di Białowieża, inserita nella lista dei Patrimoni dell’Umanità UNESCO (abbiamo già incontrato informazioni riguardo questo argomento nel capitolo dove si parla della regione Podlaskie).
È stato anche già accennato in precedenza come a Varsavia, nel 2018, è stato inaugurato il Museo della Vodka Polacca. Si trova nel suggestivo edificio ottocentesco dell’ex fabbrica della vodka “Koneser”, e ha come scopo far conoscere la ricca e lunga storia della produzione e degli usi e costumi legati alla vodka in Polonia. È l’unico museo al mondo dedicato completamente a questa bevanda superalcolica.
 
Per maggiori informazioni su alcolici e bevande in Polonia Clicca qui
Un’altra bevanda molto popolare in Polonia è la birra. Secondo l’European Beer Trends Statistics Report il paese si è classificato secondo, alle spalle della Germania, per quanto riguarda la produzione di birra nell’anno 2019. Oggi diverse aziende ed enti organizzano tour alla scoperta dei birrifici, più o meno artigianali, che stanno vivendo una nuova giovinezza. Tra le più famose troviamo la Tyskie, prodotta a Tychy, nella Regione della Slesia e la Żywiec, prodotta nell’omonima cittadina.
 
 
La pasticceria
 
La Polonia presenta anche una rinomata tradizione pasticcera. Molti sono i dolci polacchi conosciuti in varie parti del mondo. Tra i più famosi possiamo trovare sicuramente i seguenti:
 
 
Pierniki

Sono biscotti di pan di zenzero strettamente  legati alla città di Toruń. Qui è famosa la loro versione con il miele che viene ricavato dai territori circostanti alla città. Per chi vuole provare anche a prepararne alcuni oltre che conoscerne la storia, in città è presente il Museo Vivo dei Pierniki.

Per maggiori informazioni Clicca qui

 
 
 
Rogale świętomarcińskie,
il cornetto DOP di Poznan

Biglietto da visita della regione Wielkopolska e della città di Poznań. Si tratta di massicci cornetti farciti con un ripieno comprendente soprattutto semi di papavero bianco ma anche uva passa, frutta candita e secca. Oramai vengono preparati tutto l’anno ma tradizione vuole che venissero sfornati per la festa di San Martino, dalla quale prendono il nome.
 
Per maggiori informazioni sulla tradizione del Rogale Clicca qui
 
 
Szarlotka
 
Una vera istituzione per quanto riguarda i dolci è sicuramente la szarlotka. Si tratta di una tradizionale torta di mele che presenta varie versioni. Se chiedete ad un polacco quale versione preferisce vi risponderà sicuramente “quella della nonna”, preparata rigorosamente con delle buonissime mele polacche.
 
Per conoscere la ricetta Clicca qui
 
 
 
 

 
 

Sernik

 

Famosissima cheesecake preparata utilizzando il twaróg, formaggio fresco tradizionale polacco.

 

Pączki

Sono dei bomboloni farciti, tipici del periodo di carnevale, ma che possono essere trovati tutto l’anno. Ne esistono, ovviamente, diverse versioni che svariano da quelli tradizionali, glassati, con la marmellata di rose, a quelli più innovativi farciti con il budino o la cioccolata.

 

Per avere più informazioni a riguardo Clicca qui
 
     
Se sei particolarmente interessati all’argomento cucina, e vuoi esplorare ancora più nel dettaglio i vari prodotti tipici di ogni regione della Polonia, ti invitiamo a Cliccare qui e consultare gli articoli dedicati alla gastronomia sul sito dell'Ente Nazionale Polacco per il Turismo.
01 - Che tipo di farcitura presentano i pierogi ruskie?
02 - Quale ingrediente conferisce al zurek il caratteristico sapore acidulo?
03 - Qual è l’ingrediente principale della zuppa nota come barszcz czerwony?
04 - Qual è la regione polacca con più prodotti tipici a marchio protetto?
05 - Qual è la città polacca che è stata eletta come Capitale Europea della Cultura Gastronomica nel 2019?
06 - Il mangime di quale animale viene usato per preparare la vodka Zubrowka?
07 - In quale città si trova il Museo della Vodka Polacca?
08 - In che posizione si è classificata la Polonia per la produzione della birra nel 2019?
09 - A quale città è legato il famoso cornetto di San Martino?
10 - Qual è il frutto utilizzato per preparare la torta szarlotka?
01
1° modulo
Scopri la Polonia!
02
2° modulo
Il grande classico rivisitato. Cracovia e dintorni
03
3° modulo
Varsavia. Futuro e rinascita
04
4° modulo
La Polonia del Nord. Il Mar Baltico e la Pomerania
05
5° modulo
Trionfo della natura. Varmia-Masuria e la regione Podlaskie
06
6° modulo
Polonia occidentale. Tra città, castelli e centri fieristici
07
7° modulo
Alla scoperta delle piccole città d'arte
08
8° modulo
Atmosfere urbane e mete insolite. Łódź e la Slesia
09
9° modulo
Turismo attivo e del Benessere
10
10° modulo
La gastronomia polacca tra tradizione e innovazione
01
1° modulo
Scopri la Polonia!
02
2° modulo
Il grande classico rivisitato. Cracovia e dintorni
03
3° modulo
Varsavia. Futuro e rinascita
04
4° modulo
La Polonia del Nord. Il Mar Baltico e la Pomerania
05
5° modulo
Trionfo della natura. Varmia-Masuria e la regione Podlaskie